Codice QR

Ambiente » Sentiero della Pizzuta

Lasciata Piana degli Albanesi raggiungiamo in Macchina Portella della Ginestra, Dopo aver postegiato in un'ampia piazza, imbocchiamo una carrareccia della Forestale che si insinua lentamente nel versante meridionale della Riserva. Davanti a noi domina Maja e pelavet (La montagna dei cavalli), una cima montuosa dalla povera copertura arborea ed arbustiva. Il percorso attraversa un'area a riboschimento (Pinus nigra Arnold, P. halepensis Mill., P. pinea L., Cedrus atlantica Manetti), recentemente devastata da un incendio nell'agosto 2000. 

Continuando si raggiunge un sentiero segnato da apposite tabelle. Dopo circa un chilometro di marcia, con un dislivello di circa m 500, si raggiunge Portella delle Neviere, una breve pausa per riprendere fiato ed ammirare le tracce di un bosco relittuale di Agrifogli (Ilex acquifolium L.) che, un tempo, ricopriva buona parte di questo versante costituendo quella fascia vegetazionale che i botanici chiamano fascia Colchica. Da quisi prosegue verso la cresta della Pizzuta (m. 1.333 s.l.m.). Consigliamo la percorrenza di questo sentiero solo con condizioni meteorologiche favorevoli e con l'ausilio di una guida.